Cenere su Zest – Letteratura sostenibile

Il futuro ideato da Elisa Emiliani assomiglia al presente, soltanto i sistemi di inibizione delle coscienze sono più raffinati e i diritti individuali sempre più calpestati. La tecnologia appare fuori controllo e il capitale non si fa scrupoli nel perseguire i propri interessi. Nel paesaggio degradato, nell’omologazione imposta da un regime corporativista, sopravvivono però i sentimenti, il desiderio di proteggere e ridare linfa al libero arbitrio.

La recensione completa, qui

Grazie a Paolo Risi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi