#SoloRadioTre – 1.9 Orgoglio e rinuncia

Radio Rai 3 Straming

– Sai – disse Anna, riflessiva. Si perse un attimo a fissare il fumo di sigaretta, come indecisa se continuare a dire quello che voleva dire o virare su una cazzata generica per cambiare argomento. – Penso di avere un problema d’orgoglio – continuò.

– In che senso – fece Lara accendendo la radio.

– Nel senso che per esempio non sarei disposta a fare dei sacrifici per tenere in piedi una relazione se non lo facesse anche lui, penserei che se ne può benissimo andare al diavolo. Invece ultimamente ho sentito da un’amica una storia abbastanza incredibile su come è iniziata la sua storia con l’uomo col quale convive. Mi ha dato da pensare.

Lara storse il naso. – Cioè adesso pensi che non farsi mettere i piedi in testa sia un problema d’orgoglio? – s’interruppe un secondo e guardò l’amica di sottecchi. – Stai cercando una giustificazione socialmente accettabile per richiamarlo?

Anna sospirò. – Ma no, hai ragione, ovvio che abbia ragione. Però quello che voglio dire è che… a volte mi sento come un poeta romantico dell’800, perso in un amore impossibile e perfetto congelato nell’eternità. Chiaro che poi rinsavisco, mi rendo conto di vivere nella società liquido moderna, per citare il vecchio Bauman, rinuncio all’amore romantico e mando al diavolo il disgraziato di turno in nome del rispetto per me stessa. Quello che mi chiedo però è se non manchi, a volte, all’anima, un amore disinteressato.

– Per quello devi fare un bambino.

– No grazie. Non avevamo del vino?

– Yep. Arriva.

Immagine: radio_by_fukari-d59int2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi